Home/Tours/Parco Nazionale della Sila – Dal 30 Ottobre al 1 Novembre 2021

Parco Nazionale della Sila – Dal 30 Ottobre al 1 Novembre 2021

300,00

La bellezza del Foliage e l’immersione della natura.

Partenza: 30/10/2021 da: Luoghi convenuti
    Cancella opzioni
    • 40 €
    • 90 €
    • 235 €
    • 280 €
COD: CALABRIA30OTT21 Categoria: Tag: , , , , ,
Destinazioni:

1° GIORNO: SABATO OTTOBRE 2021 – CIVITA – MORANO CALABRO – ALTOMONTE

Incontro con i Sig.ri partecipanti alle ore 6:00 – 6:30 nei luoghi convenuti e partenza in autopullman verso la Calabria. Arrivo a Civita, un piccolo borgo immerso nel Parco Nazionale del Pollino, situato a m 450 slm in posizione panoramica sulle spettacolari gole del Raganello.  Il paese è di origine albanese (arbëreshë) e venne fondato nella seconda metà del 1400 da gruppi di famiglie albanesi in fuga dai turchi.  Tuttora è noto perché rappresenta una delle comunità storiche albanesi d’Italia. A Civita, o Çifti, così com’è chiamata abitualmente, è parlata ancora la lingua albanese e permangono le tradizioni degli avi. Visita del centro storico con le tipiche abitazioni arbëreshe di pietra, e con le Case Kodra, così denominate in memoria dell’artista albanese Ibrahim Kodra il quale, visitando Civita, le ritrasse riconoscendo in esse elementi della sua pittura. Vedremo  il Ponte del Diavolo, struttura che collega le due pareti del canyon scavato dal fiume Raganello nell’omonima valle. Piccola degustazione dei prodotti tipici. Partenza verso Morano Calabro. La sua posizione, alle pendici del Pollino,  ha contribuito al suo sviluppo in epoca greco-romana e al suo splendore in epoca medievale e rinascimentale sotto il feudo dei Sanseverino. Dal 2003 fa parte dei “Borghi più belli d’Italia” e il suo nome è stato inserito nella lista delle destinazioni europee del Progetto EDEN della Commissione Europea. Visita guidata del centro storico con  la Chiesa di San Bernardino da Siena, ricca di opere d’arte,  la Collegiata della Maddalena, che custodisce il “Polittico del Vivarini” del XV secolo, il quartiere di San Nicola e il quartiere del Castello dove si erge la Collegiata dei Santi Pietro e Paolo, che custodisce all’interno statue di Pietro Bernini, padre del celebre Gian Lorenzo Bernini. Infine vedremo i resti del Castello normanno svevo, edificato sulla sommità del borgo antico, da cui domina tutta la valle sottostante, posta ai piedi delle Serre del Pollino. Pranzo libero a cura dei partecipanti. Nel pomeriggio è prevista la partenza verso Altomonte, riconosciuto tra i “Borghi più belli d’Italia”. La cittadina si sviluppa su un promontorio a circa m 455 s.l.m., con un territorio parzialmente pianeggiante, reso molto fertile dalla presenza dei fiumi Esaro, Grondi e Fiumicello. Clima e posizione contribuiscono a rendere la zona adatta alla coltivazione di grano, legumi, agrumi e frutteti, in particolare vigneti autoctoni, che producono i tipici vini Balbini, decantati da Plinio il Vecchio. Il feudo di Altomonte fu dapprima proprietà della potente famiglia Sangineto, per poi passare al casato dei Sanseverino. Il borgo custodisce tracce di una lunga storia: tra gli edifici del centro storico risalenti al periodo angioino si segnalano la Chiesa di S. Maria della Consolazione, esempio di arte gotica-angioina,  costruita verso la fine del XIV secolo e restaurata nel XVII secolo (al suo interno è collocato il sepolcro del feudatario Filippo Sangineto). Degno di nota il Castello dei Conti. Nella parte bassa del paese, da vedere la Chiesa di San Francesco di Paola, sede municipale dal 1980, non a caso, uno dei Municipi più belli d’Italia. Annesso alla Chiesa, il Convento dei Frati Minori, composto da quattordici ampie stanze disposte su due piani, con copertura a padiglione. L’ingresso immette in un bel Chiostro, con archi a tutto sesto. Lungo tutto il percorso, si possono acquistare e degustare diverse tipicità locali: dal vino ai liquori, passando per le produzioni artigianali di argilla, legno e vimini. Souvenir da non lasciarsi sfuggire: le cartoline di legno e i preziosi ricami! Proseguimento verso il Parco Nazionale della Sila. Arrivo in hotel, sistemazione nelle camere riservate. Aperitivo degustazione di prodotti tipici (salumi e formaggi), cena e pernottamento. Facoltà di acquistare i prodotti tipici (in confezioni sottovuoto).

 

2° GIORNO: DOMENICA 31 OTTOBRE 2021 – CENTRO VISITE CUPONE – SAN GIOVANNI IN FIORE

Prima colazione in hotel. Nella mattinata incontro con la guida e partenza verso il Centro Visite del Cupone che offre suggestivi itinerari lungo sentieri naturalistici. Sono presenti alcuni osservatori faunistici, il museo naturalistico, il giardino geologico che permette l’osservazione delle caratteristiche rocce del territorio silano e l’orto botanico con pannelli e file audio esplicativi delle varie essenze. Il museo naturalistico è composto dalla sala multimediale, dai laboratori didattici e dalla sala espositiva dedicata al tema “Albero”, e consente di apprezzare campioni di reperti e di manufatti sequestrati dal Corpo Forestale

dello Stato, derivanti da specie in via di estinzione e spesso trafugate o destinate al traffico illegale. Dal museo naturalistico si diramano, infine, una serie di sentieri didattici e naturalistici che raggiungono il sito archeologico del Cupone, proprio sulle sponde del lago Cecita, ove gli archeologi stanno rinvenendo reperti afferenti a un’epoca antica collocabile tra il Neolitico e l’Eneolitico. Rientro in hotel per il pranzo. Nel pomeriggio visita guidata di San Giovanni in Fiore. Noto come la “Capitale della Sila” è un centro abitato di montagna. Il valore naturalistico del territorio è confermato dalla presenza di grandi foreste, laghi e di numerosi corsi d’acqua. A queste peculiarità morfologiche si affianca una forte copertura vegetativa, vincolata per la quasi totalità dalle leggi forestali che ne hanno incentivato lo sviluppo attraverso politiche di riforestazione, adottate nel secondo dopo guerra, dopo che il territorio aveva subito il taglio forzato da parte di ditte boschive, come pegno di guerra dell’Italia sconfitta. Visita dell’Abbazia Florense, attorno alla quale sorse il primo nucleo abitato. Trattasi della costruzione ecclesiastica più grande e l’unica rimasta del complesso di “domus religionis” organizzato e previsto dall’abate Gioacchino da Fiore“ lo calavrese Abate Giovacchino di spirito profetico dotato” (Dante – Paradiso C. XII vv. 139 – 141), che ne tracciò uno schema simbolico nella tavola XII del suo Liber Figurarum. L’abbazia Florense fu fatta costruire, presso la confluenza dei fiumi Arvo e Neto, dall’abate Matteo I, successore di Gioacchino, dopo la morte del maestro (1202). I lavori iniziarono nel 1214 e terminarono nel 1234, eseguendo le indicazioni lasciate da Gioacchino da Fiore, che voleva realizzare in quel preciso luogo una casa religiosa per gli “spiriti contemplanti”. Da qui la dedica dell’abbazia a San Giovanni Battista, il santo eremita con il dono della profezia e della contemplazione. Dal santo patrono dell’abbazia il paese prese poi il suo nome, nel 1530, quando fu costituito “casale civico” da un editto dell’imperatore Carlo V. Nonostante i rimaneggiamenti, l’abbazia conserva l’austerità dello stile romanico con alcuni elementi gotici. Sotto l’altare maggiore si trova la cripta che custodisce l’urna contenente le spoglie di Gioacchino da Fiore, e la nicchia sepolcrale. Nella serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

3° GIORNO: LUNEDI 1 NOVEMBRE 2021- I GIGANTI DELLA SILA

Prima colazione in hotel. Nella mattinata è prevista l’escursione alla Riserva Biogenetica dei Giganti della Sila. Unico nel suo genere, questo maestoso bosco secolare nel centro della Calabria sopravvive intatto dal Seicento all’ombra dei suoi imponenti “patriarchi”, che danno origine a un grandioso spettacolo della natura. Sull’altipiano della Sila si conservano alberi alti fino a 45 metri, dal tronco largo 2 metri e dall’età straordinaria di 350 anni, testimoni delle antiche selve silane. Un bosco ultracentenario con oltre 60 esemplari di pini larici e aceri montani piantati nel Seicento dai Baroni Mollo, proprietari del vicino Casino, donato al FAI nel 2016. La selva fu sfruttata nei secoli dai pastori per estrarre dai tronchi una resina infiammabile come la pece; era una risorsa preziosa che tra Sei e Settecento fu oggetto di numerosi provvedimenti del governo di Napoli, emessi per limitare le frequenti minacce di abbattimento. Con la Seconda Guerra Mondiale, i terreni furono espropriati e reintegrati poi nel patrimonio dell’Ex Azienda di Stato per le Foreste Demaniali che, insieme alla famiglia Mollo, promosse l’istituzione dell’attuale Riserva Naturale Guidata Biogenetica allo scopo di studiare, conservare geneticamente e tutelare questo patrimonio storico-naturale di enorme valore. L’intervento dell’uomo, oggi, ha il solo scopo di lasciare che la natura faccia il suo corso, e poter così osservare l’evoluzione naturale del bosco offrendo un ambiente spontaneo ad animali che vivono ormai in pochi altri luoghi del Paese. Passeggiare in mezzo a questo prodigio di indubbia spettacolarità suscita meraviglia e ammirazione! Rientro in hotel per il pranzo. Nel pomeriggio con comodità, inizio del viaggio di rientro. Arrivo a casa nella serata.  

 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                                EURO 300,00

Base minima partecipanti 25 partecipanti per un pullman di 37-50 posti a sedere – in regola alle norme governative

BIMBI 0-3 ANNI dormono nel letto dei genitori, pagano i pasti al consumo, quota bus per bimbi 2-3 anni EURO 90,00

QUOTA BIMBI 4-12 ANNI IN 3° / 4° LETTO                                     EURO   235,00

QUOTA RAGAZZI 13-16 ANNI IN 3° / 4° LETTO                             EURO   280,00

SUPPLEMENTO SINGOLA                                                               EURO     40,00

ACCONTO DA VERSARE ALLA PRENOTAZIONE                         EURO   100,00 per persona

SALDO DA VERSARE ENTRO 20 GIORNI PRIMA DELLA PARTENZA

 

LA QUOTA COMPRENDE:

  • il viaggio in autopullman gran turismo dotato di tutti i comfort, assegnazione posti a sedere in base alle disposizioni di sicurezza governative in materia di COVID-19 e regolare sanificazione;
  • il soggiorno in hotel selezionato in camere con servizi privati – COVID safe;
  • i pasti indicati nel programma, bevande incluse (acqua della Sila in caraffa e vino della casa),
  • le guide per la visita di Civita, Morano Calabro, Altomonte, il Centro Visite del Cupone, San Giovanni in Fiore e la Riserva Biogenetica dei Giganti della Sila;
  • il biglietto d’ingresso alla Riserva Biogenetica dei Giganti della Sila;
  • la degustazione di prodotti tipici.

 

LA QUOTA NON COMPRENDE: il pranzo del primo giorno, la tassa di soggiorno in hotel (al momento non è prevista), il centro benessere, i biglietti a musei e siti artistici, gli extra e tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”.

 

La nostra agenzia offre l’opportunità ai Sigg. Ospiti di iniziare il proprio viaggio da uno dei seguenti luoghi

Paese/Città Punto di incontro Supplemento
BARI Via Salvator Matarrese alt. Hotel Sheraton -
MODUGNO Via Paolo Marzi fronte civ. 23 (Fermata FlixBus) -
BITONTO Stazione Bari Nord -
GIOVINAZZO Piazza Vittorio Emanuele alt. Parr. San Domenico -
MOLFETTA Via Salvador Allende (vicinanze negozio Pane e Amore) -
TERLIZZI Corso Garibaldi (fermata centrale) -
RUVO DI PUGLIA
Stazione Bari Nord -
CORATO
Via Sant'Elia (Villa Comunale) -
BISCEGLIE Via S. Andrea, 179 alt. Ristorante Beverly -
TRANI Viale Germania prima della Rotatoria (zona Sant'Angelo) -
BARLETTA Stazione Bari Nord – Scalo Casermette -
ANDRIA Casello Autostradale -
ALTRI
Tutti i caselli autostradali che si trovano nella direzione del viaggio stesso -

Per i viaggi della durata di 1-2 giorni è richiesto un minimo di n.8 partecipanti per luogo d'incontro

I nostri tour sono ideali per coloro che non hanno un’ottima padronanza delle lingue estere, non vogliono affrontare i problemi logistici e organizzativi, non amano gli imprevisti o semplicemente non vogliono trascorrere le proprie vacanze in solitudine.

D’altronde, accanto ai benefici che scaturiscono da un “viaggio organizzato”, ci sono delle regole alle quali è giusto e conveniente adeguarsi per la buona riuscita del viaggio.

Anche se siete in vacanza è scortese far aspettare un intero gruppo di persone, spesso visite ed escursioni sono programmate con orari rigidi e l’ingresso ai Musei e luoghi d’interesse artistico-culturale richiede una prenotazione obbligatoria per potervi accedere con la guida ed evitare le lunghissime file dei visitatori individuali.

Un gruppo è di solito eterogeneo e anche se durante questi viaggi si crea una certa familiarità, non è giusto esigere che tutti facciano sempre tutto con tutti.

Cortesia e buona educazione ci guidano ancora una volta, perché un’eccessiva promiscuità può recare disturbo e imbarazzo.

Va infine evidenziato che la perfetta riuscita del viaggio, oltre che nella cura dei servizi, va ricercata nello spirito di adattamento dei partecipanti, necessario a conciliare interessi diversi che inevitabilmente producono attese e visioni diverse.

Le quote di partecipazione sono valide per un numero minimo di 20 persone, per cui, nel caso non si riesca a raggiungere il numero minimo necessario per garantire la partenza, i Signori ospiti saranno informati 15 giorni prima della data di partenza.

DOCUMENTI DA PORTARE IN VIAGGIO: CARTA D’IDENTITA’ E TESSERA SANITARIA.